» Documentario
Dark Red Forest (2021)

Dark Red Forest (2021)
Dark Red Forest, film diretto da Jin Huaqing, è un documentario incentrato sulle 20.000 monache buddiste, che vivono in un monastero isolato dal resto del mondo, sito tra gli altipiani innevati del Tibet nel bel mezzo di una natura selvaggia. Queste donne vivono lontano dai loro familiari e fanno affidamento solo al loro guru, nonché le une sulle altre. Nel monastero attraverso i principi della loro religione fanno ricerca sui grandi quesiti dell'esistenza nel tentativo di raggiungere uno stato
Kill me if you can (2022)

Kill me if you can (2022)
Kill me if you can, film diretto da Alex Infascelli, è un documentario che racconta un evento accaduto nell'autunno del 1969. Il 31 ottobre del 1969 le trasmissioni televisive di tutta l'America vengono interrotte da un annuncio: un uomo armato fino ai denti, ha preso il controllo di un jet della TWA in partenza da Los Angeles e diretto a San Francisco, destinazione finale: Roma. Inizia così il più lungo dirottamento nella storia dell'aviazione. Mentre l'America è incollata davanti alla
Laggiù qualcuno mi ama (2023)

Laggiù qualcuno mi ama (2023)
Laggiù qualcuno mi ama, film diretto da Mario Martone, è un documentario incentrato su Massimo Troisi, che tramite contenuti inediti e una raccolta di testimonianze di colleghi e amici dell'attore racconta il suo genio. Il mito di Massimo Troisi, una figura sempre rimasta viva nell'immaginario del cinema italiano, si rianima nello scorrere delle immagini su quel grande schermo che gli ha dato la gloria, grazie al lavoro di Martone, suo amico e ammiratore, e di Anna Pavignano, compagna di Troisi
All the Beauty and the Bloodshed (2022)

All the Beauty and the Bloodshed (2022)
All the Beauty and the Bloodshed, film diretto da Laura Poitras, è la storia dell’artista e attivista di fama internazionale Nan Goldin, raccontata attraverso diapositive, dialoghi intimi, fotografie rivoluzionarie e rari filmati, della sua battaglia per ottenere il riconoscimento della responsabilità della famiglia Sackler per le morti di overdose da farmaco. Il film intreccia il passato e il presente di Goldin, l’aspetto profondamente personale e quello politico, dalle azioni del P.A.I.N.
Life Is (Not) A Game (2022)

Life Is (Not) A Game (2022)
All'esterno di un campo profughi, da qualche parte nell'inverno dell'Europa balcanica, alcuni volontari forniscono a un'anziana una coperta isotermica per contrastare il freddo. Dopo uno stacco, in un interno che pare uno studio artistico, una persona con giacca impermeabile bianca, pantaloni arancioni da tuta da lavoro, il volto nascosto da cappuccio, parrucca arancione e maschera bianca, in stile V per Vendetta, lavora a una sua installazione, tra carta, cutter e bombolette di vernice: è
High Maintenance. Vita e opere di Dani Karavan (2020)

High Maintenance. Vita e opere di Dani Karavan (2020)
­High Maintenance. Vita e opere di Dani Karavan, film diretto da Barak Heymann, è un documentario incentrato sull'artista israeliano Dani Karavan, autore di moltissime installazioni in tutto il mondo. Il suo portfolio è composto da opere monumentali in armonia con la natura che le circonda. Alla base della creazione dei suoi lavori ci sono sempre i concetti di memoria, di comunione e di pace. Oggi Karavan, però, non è del tutto soddisfatto, le sue strutture infatti si stanno deteriorando e le
Hometown - La strada dei ricordi (2021)

Hometown - La strada dei ricordi (2021)
Hometown - La strada dei ricordi, il film diretto da Mateusz Kudla e Anna Kokoszka-Romer, è un documentario che vede Roman Polanski e Ryszard Horowitz fare ritorno in Polonia per condividere i ricordi più personali, legati alla loro infanzia e alla loro giovinezza. Da quando Polanski è andato via da Cracovia per diventare regista e Horowitz è fuggito a New York per intraprendere la sua carriera fotografica, i due non si sono più rivisti in patria, ma dopo oltre 60 anni tornano in quel luogo che
Trieste è bella di notte (2023)

Trieste è bella di notte (2023)
Trieste è bella di notte, film diretto da Andrea Segre, Stefano Collizzolli e Matteo Calore, è un documentario che racconta ciò che accade nel confine tra Slovenia e Italia, qualche chilometro sopra Trieste, dove giungono i migranti asiatici della rotta balcanica. Dopo essere riuscite ad attraversare la frontiera, queste persone rischiano di essere rimandati indietro, in Bosnia, se fermati dalle guardi italiane. Così facendo, viene tolta la loro possibilità di un'identificazione e di una
Noi ce la siamo cavata (2022)

Noi ce la siamo cavata (2022)
Correva l'anno 1992 quando Lina Wertmuller presentò sugli schermi un film tratto dal libro omonimo di un maestro elementare: Io speriamo che me la cavo. Al centro c'erano i bambini di una classe nel napoletano e un maestro interpretato da Paolo Villaggio. Trent'anni dopo uno di loro, Adriano Pantaleo che è poi rimasto come attore nel mondo del cinema, ha deciso di andarli a cercare per vedere se 'se la sono cavata'.
Lynch/Oz (2022)

Lynch/Oz (2022)
Lynch/Oz, film diretto da Alexandre O. Philippe, è un documentario che indaga sul rapporto tra Il Mago di Oz (1943) di Victor Fleming e quello che è l'universo cinematografico surrealista e inquietante creato da David Lynch. Il film ricerca l'influenza del primo nei lavori del secondo, non solo in Cuore selvaggio o Twin Peaks - Il ritorno, dove quest'ascendente è più lampante, ma anche nelle altre opere di Lynch - da The Elephant Man a Mulholland Drive e Lost Highway - dove è più sottile. Il